Archivio mensile Maggio 2016

Diadmin

IL MONDO DEGLI AUSILI

L’associazione
R.P. Liguria Associazione per la Retinite Pigmentosa e altre malattie della Retina – Onlus
in collaborazione con
A.N.S. Associazione Nazionale Subvedenti – Onlus
organizza l’incontro:
“IL MONDO DEGLI AUSILI”
Seminario – Laboratorio sulle tecnologie assistive
sabato 28 maggio 2016
Circolo Ricreativo CARISPEZIA – Via Colombo 135, LA SPEZIA

 
 
RPLIGURIA.ORG
 
Diadmin

Spettacolo di Primavera

Sabato 7 Maggio 2016 ore 17.00
“Spettacolo di Primavera” sala Dante La Spezia

In cui verranno presentate esibizioni di canto, musica e recitazione, per sottolineare che l’intento espressivo dell’arte annulla le disuguaglianze e le disabilità.

IL VIDEO DELLA PRESENTAZIONE

 

 

 

13094221_10153656851091588_7201145402533030318_nFoto 07-05-16, 23 50 03

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Foto 08-05-16, 00 11 48

Foto 07-05-16, 23 46 47

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Grande successo per lo spettacolo di primavera, dove sul palco della sala Dante a La Spezia i nostri soci. amici ed ospiti venuti da altre regioni si sono esibiti in canto musica e recitazione.
Vi diamo appuntamento a dicembre con lo spettacolo di Santa Lucia.

 
 

 

 

 

 

Diadmin

VISITA GUIDATA AL MUSEO DELLE STATUE STELE DI PONTREMOLI

mappa_pontremoli

 

SABATO 11 GIUGNO 2016 VISITA GUIDATA AL MUSEO DELLE STATUE STELE DI PONTREMOLI

GUARDA LE FOTO

 http://www.statuestele.org

PRESENTAZIONE

Il Museo delle Statue Stele Lunigianesi ha sede nel castello del Piagnaro a Pontremoli (MS).
La sua raccolta, di grandissima suggestione, espone e racconta uno dei fenomeni più importanti della megalitica europea. Le Statue Stele, figure umane maschili e femminili rappresentate in forme astratte, furono scolpite nella pietra arenaria dalle popolazioni vissute tra il IV e il I millennio a.C. e rappresentano ancora oggi un enigma in parte irrisolto. Queste immagini preistoriche e protostoriche sono caratterizzate dalla testa “a cappello di carabiniere” e dal volto a forma di U, classificate dagli archeologi in tre gruppi tipologici (A, B,C); furono realizzate tra l’età del rame e l’età del ferro e hanno attraversato i secoli per giungere fino a noi, subendo nel tempo occultamenti volontari, riusi e reimpieghi che ne hanno spesso modificato la forma e la funzione. Oggi le Statue Stele sono a tutti gli effetti il simbolo identitario della Lunigiana, la valle del fiume Magra lungo la quale sono distribuiti tutti i ritrovamenti. Il Museo delle Statue Stele è il più rappresentativo in Italia per numero di esemplari raccolti e per la documentazione sui siti di rinvenimento, sulla materia prima utilizzata e sulle tecniche di lavorazione.

Foto 22-04-16, 20 21 23

MUSEO DELLE STATUE STELE DI PONTREMOLI

STORIA

Il Museo delle Statue Stele è ospitato dal 1975 all’interno della suggestiva cornice del Castello del Piagnaro. La nascita del Museo si deve all’attività appassionata e lungimirante del prof. Augusto Cesare Ambrosi che, dopo le ricerche negli anni 50-60 e la creazione di una prima raccolta archeologica nel Comune di Casola in Lunigiana, volle fortemente che le Stele fossero raccolte assieme in una sede di prestigio a Pontremoli. Il nuovo allestimento del Museo (inaugurato a giugno 2015)su una superficie espositiva quasi raddoppiata ha permesso di valorizzare ulteriormente le Statue Stele all’interno degli spazi del Castello del Piagnaro: un allestimento elegante ed essenziale, arricchito da moderni contenuti multimediali, che esalta il fascino e la suggestione delle Statue Stele

SEDE

Il Castello del Piagnaro è situato sulla collina che domina il centro storico di Pontremoli ed è elemento integrante del sistema difensivo della città assieme alle mura e alle torri che difendevano il borgo medievale. Sorto intorno all’anno mille con funzioni di difesa e di controllo stradale ha rappresentato l’ultimo baluardo della difesa dei cittadini di Pontremoli in svariate occasioni; il suo nome deriva dalle “piagne”, lastre in arenaria utilizzate tradizionalmente in Lunigiana per realizzare i tetti e ancora oggi visibili all’interno della struttura. A lungo utilizzato con funzione militare e come caserma, fu adibito a scuola e successivamente ad abitazione privata; dopo un periodo di abbandono è stato completamente recuperato negli ultimi 30 anni grazie a numerose campagne di restauro. Il complesso architettonico attuale, frutto di numerose ricostruzioni e ampliamenti, è caratterizzato da un imponente mastio (inizi del XV secolo) che, collocato nella parte più alta del rilievo, domina l’intera fortificazione e mostra ancora traccia dell’antico ingresso sopraelevato con ponte levatoio. Di fronte al mastio sorge un imponente corpo di fabbrica, utilizzato in passato come caserma. La restante parte del Castello è caratterizzata da strutture difensive sei-settecentesche, attrezzate per l’uso di artiglierie e armi da fuoco, con un’ampia corte circondata da possenti bastioni muniti di rampe di collegamento e garitte angolari. Oltre al Museo all’interno del Castello è ospitato un punto di accoglienza per i pellegrini che percorrono la Via Francigena.

AGRITURISMO LUCCHETTI-FERRARI

L’AZIENDA

L’Azienda Agricola Francesca Ferrari è una giovane realtà fondata nel 2005 a Pontremoli, e guidata con passione dalla titolare Francesca e dal marito Paolo.
Seguendo standard di qualità propri, è privilegiata la raccolta anticipata ovvero nel periodo di invaiatura delle drupe (prima e seconda decade del mese di Novembre): la raccolta avviene mediante la brucatura a mano e l’utilizzo di agevolatori meccanici, che consentono di ridurre al minimo la possibilità di danneggiare rami e frutti.
Le olive, dopo essere conservate in cassette adeguatamente areate, vengono frante entro le ventiquattro ore con metodo di estrazione a ciclo continuo.
L’alta qualità è da privilegiare sulla quantità e, proprio per questo, l’azienda ha scelto fin dal primo anno di produzione di intraprendere l’iter di certificazione per l’ottenimento della denominazione Toscano IGP (Indicazione Geografica Protetta) e sotto-denominazione Colline della Lunigiana.
L’azienda dispone di un laboratorio di trasformazione e confezionamento che consente di accorciare il più possibile la filiera, così da assicurare maggiori garanzie e qualità.
Attualmente l’azienda possiede circa nove ettari di uliveto specializzato, dotato di impianto di irrigazione a goccia che consente di ridurre al minimo l’alternanza della produttività tra una campagna e l’altra.

I PRODOTTI

Con i terreni ubicati nel comune di Pontremoli, l’azienda produce l’Olio Extravergine di Oliva Toscano IGP, Colline della Lunigiana, prodotto di punta che negli anni ha saputo e sa tuttora conquistare sempre più consensi e apprezzamenti.
Dalla campagna 2010, il Toscano Igp è stato affiancato da un altro prodotto degno di nota, il Monovarietale “Quercetano” cultivar tipica della Versilia originaria di Querceta, frazione di Seravezza: Paolo e Francesca hanno voluto affrontare un’ulteriore sfida prendendo in gestione e ripristinando un uliveto secolare ormai da anni in stato di abbandono ubicato in località Strettoia nel comune di Seravezza (LU).

AGRITURISMO

Francesca e Paolo hanno da sempre creduto e puntato sulla multifunzionalità: nel Natale 2009 hanno destinato due suggestive salette, ricavate da esistenti cantine, allo svolgimento di attività didattico/formative oltre che alla promozione e vendita dei propri prodotti.
La struttura è in pietra a vista nel rispetto della storia dei caseggiati rurali di questo territorio e con essa le stradine vicinali e quelle di accesso sono state realizzate nel rispetto della natura circostante.
Dove è stato possibile si è ricorsi alla bioedilizia, riducendo l’eccessivo utilizzo di cemento armato e realizzando muri in pietra e strutture di contenimento in castagno.
Pannelli solari termici e caldaia a condensazione forniscono l’intera struttura di acqua calda sanitaria e un impianto di fitodepurazione è a servizio dello smaltimento sia dei reflui prodotti durante la lavorazione delle olive sia delle acque domestiche.
L’estate 2011 festeggia il completamento della ristrutturazione del caseggiato in pietra che ospita il laboratorio di produzione.
Quattro ampie camere con bagno, di cui una attrezzata per i diversamente abili, sono in grado di accogliere un massimo di 12 persone.
La formula proposta è quella del B&B, pertanto è garantito pernottamento e prima colazione.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA

– Ore 9.00 ritrovo all’uscita del casello autostradale di Pontremoli e successivo spostamento in centro città dopo che tutti i partecipanti saranno arrivati;
– ore 9.30 Incontro con la guida turistica per dare inizio alla visita, che avrà presumibilmente il seguente svolgimento:
– tramite l’attraversamento dell’antico ponte della Cresa, ci si porterà presso piazza del duomo;
– visita della Cattedrale della città;
– visita all’interno del Museo Diocesano di Pontremoli dove si trovano alcuni oggetti che si potranno toccare; Il museo è in piazza Duomo di fronte alla cattedrale (nel palazzo vescovile). All’interno sono conservati calchi o riproduzioni di alcuni oggetti significativi del medioevo Lunigianese. In particolare: Calco del labirinto di San Pietro, Calco dell’epigrafe di Leodegar, Calco della Statua Stele Sorano e riproduzione in scala dell’abside della chiesetta di San Giorgio a Pontremoli
– ore 10.45 tramite una caratteristica stradina della parte più antica della città, saliremo verso il castello del Piagnaro che risale all’anno mille;
– ore 11.00 visita guidata delle varie sale e in particolar modo alla sala attrezzata per essere visitata da visitatori privi della vista; si potranno toccare in piena autonomia le famose statue stele che risalgono a circa tremila anni prima di cristo e che sono state, la maggior parte, rinvenute nel territorio lunigianese; si potranno leggere in braille le descrizioni sommarie dei vari gruppi di statue e sentire anche una descrizione sonora;
– ore 12.30 successivo ritorno in centro città per poi accedere al locale ove si svolgerà il pranzo;
– ore 14.45, si partirà per la visita al frantoio dell’agriturismo Ferrari Lucchetti; qui sarà possibile, con l’assistenza di una guida specializzata, fare un giro per l’uliveto con la spiegazione del trattamento delle piante di ulivo, la loro vita, la raccolta delle olive eccetera; successivamente si potrà visitare il frantoio, di tipo moderno e computerizzato, dove verrà spiegata tutta la fase di lavorazione delle olive e si potrà toccare l’impianto.
– ore 17.30 partenza per le proprie destinazioni.

Il costo per la partecipazione è di € 30.00 a persona.
L’adesione dovrà essere comunicata presso i nostri uffici entro e non oltre il 25 maggio 2016. INFO 0187/509044