Archivio mensile Ottobre 2016

Diadmin

CHE TURNO… IN CORSIA

CHE TURNO… IN CORSIA

L’Unione Italiana Ciechi ed Ipovedenti Onlus della Spezia organizza per il 4 Novembre alle 21.15 al Teatro Civico uno spettacolo di beneficenza il cui ricavato sarà devoluto al Centro chirurgico per vittime di guerra di Emergency a Lashkar-gah , l’unica struttura sanitaria gratuita e di qualità disponibile in tutta la regione di Helmand, epicentro della guerra afgana.
Emergency Ong , associazione umanitaria italiana fondata il 15 maggio 1994 a Milano da Gino Strada e dalla moglie Teresa Sarti, insieme a Carlo Garbagnati e Giulio Cristoffanini, ha aperto nel 2004 il Centro chirurgico di Lashkar-gah i cui ambiti d’ intervento sono la chirurgia per vittime di guerra e la traumatologia. Il 60% dei pazienti ricoverati è curato per ferite di guerra causate da bombe, mine antiuomo, pallottole. Oltre un terzo dei pazienti ha meno di 14 anni, e molti dei quali oltre a gravissime amputazioni hanno perso la vista.
Il Centro chirurgico è dedicato al giornalista e uomo di pace Tiziano Terzani.
L’UICI Onlus con questa serata di beneficenza, ideata da Arturo Vivaldi , presidente regionale dell’UICI Onlus, e dal giovane Socio Samuele Marras, vuole dare continuità alla collaborazione che già in passato ha avuto con Emergency, e allo stesso tempo desidera ricordare come le persone con disabilità riescano a donare al prossimo.
Lo spettacolo che andrà in scena, dal titolo “ Che turno …. In corsia” é un musical brillante scritto, diretto e interpretato dai ragazzi del gruppo teatrale Comoross , nato all’interno dell’Associazione Culturale Musicale Endecalineo della Prof.ssa Antonella Romano, che presenteranno con ironia situazioni paradossali che potrebbero accadere in un qualsiasi ospedale.
L’iniziativa di beneficienza, è patrocinata dal Comune della Spezia, ed ha avuto il sostegno Lions Clubs International , dell’IAPB Italia Onlus e dell’Associazione Culturale Musicale Endecalineo.
Il costo del biglietto è di 10 euro per gli adulti e 5 euro per gli studenti.
Per informazioni e prenotazioni telefonare ai numeri : 0187 509044 sede UICI – 347 0243538 fernando marras – email: uicsp@uiciechi.it

 

https://www.facebook.com/events/561868410663820/

Diadmin

INFORMAZIONI UTILI PER I CIECHI E GLI IPOVEDENTI DELLA PROVINCIA DI LA SPEZIA

INFORMAZIONI
UTILI
PER I CIECHI E GLI
IPOVEDENTI DELLA
PROVINCIA DI LA SPEZIA

 14589771_10154075530161588_819344779017272337_o

Questo opuscolo vuole essere un
invito ad usufruire delle diverse offerte,
dei contributi e dei servizi descritti che
mirano ad aiutare le persone cieche e
ipovedenti a partecipare, malgrado la
loro disabilità, alla vita sociale,
sviluppando uno stile di vita autonomo.

Attività

L’unione Italianadei Ciechi e degli Ipovedenti
Onlus è la rappresentazione legale dei ciechi e
degli ipovedenti. Essa si attiva nel loro interesse
e sostiene l’integrazione sociale nonché uno stile
di vita autonomo. Vengono favoriti i contatti e lo
scambio di esperienze reciproche.
Le attività dell’Unione si possono riassumere
come segue:
Pensioni e agevolazioni per i minorati della
vista:
– informazione sulla normativa vigente e relativa
applicazione
– stesura, presentazione e cura dell’iter delle
domande
Agevolazioni fiscali
– assistenza ed informazioni sulla normativa
vigente riguardante le agevolazioni per i disabili
visivi (aliquota IVA agevolata del 4%, per
l’acquisto dell’autovettura e di altri sussidi tecnici
ed informatici, detrazione dall’IRPEF del 19%
delle spese sostenute per l’acquisto di tali ausili)
Istruzione, formazione professionale e
collocamento:
– assistenza per un adeguato inserimento
scolastico
– informazione e assistenza in merito alla
formazione e dal collocamento professionale
Ausili e sussidi ottici:
– presentazione e cura dell’iter delle domande
per il finanziamento di ausili e sussidi ottici
tramite l’Azienda Sanitaria
– informazioni sugli ausili utili all’autonomia dei
non vedenti e degli ipovedenti
Ausili e sussidi ottici:
– orologi, sveglie, termometri per la febbre e
bilance parlanti
– telefoni e cellulari con tasti e caratteri ingranditi
oppure cellulari con una sintesi vocale
-apparecchi per la lettura
– Sintesi vocale per il pc
– lenti o apparecchi di ingrandimento per il pc,
occhiali ipercorrettivi e filtri per gli occhiali
– bastoni bianchi come segno di riconoscimento
o per l’orientamento e la mobilità
– punti segnaletici adesivi per la casa
– lettori per ascoltare audiolibri e riviste
Mobilità
– contatti con enti pubblici per l’abbattimento
delle barriere architettoniche e per rendere
agevole l’uso dei mezzi pubblici
Rappresentanza degli interessi, pubbliche
relazioni, prevenzione:
– rappresentanza degli interessi e dei diritti dei
minorati della vista attraverso contatti diretti con
esponenti politici e autorità a livello locale e
nazionale
– sostegno di iniziative per la prevenzione della
cecità e dei disturbi visivi in collaborazione con
l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della
Cecità (IAPB)
Contatti, collaborazioni:
– cura dei contatti personali con gli interessati e i
loro familiari
– collaborazione con i Comuni del territorio, con
la Provincia di La Spezia e contatti con le altre
sezioni dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli
Ipovedenti
– attuazione di direttive e diffusione di
informazioni provenienti dalla Presidenza
Nazionale dell’Unione con sede a Roma
– collaborazione con altre organizzazioni di
invalidi
Attività di socializzazione:
– organizzazione di gite e momenti di
socializzazione
-corsi per l’apprendimento del metodo Braille
-Incontri di auto-mutuo aiuto alla presenza di un
coordinatore
-gruppi di training autogeno
Informazioni su:
– Libro Parlato (audiolibri in prestito presso le
audioteche esistenti)
– libri in scrittura Braille (richiesti in prestito alle
apposite biblioteche)
– agevolazioni previste per l’utilizzo dei mezzi di
trasporto pubblico
– sosta auto agevolata
Iscrizione
Soci effettivi dell’Unione dei Ciechi e degli
Ipovedenti possono essere ciechi e
ipovedenti con un residuo visivo inferiore a
3/10 oppure con un campo visivo corretto
visivo binoculare inferiore al 60%
Per l’iscrizione sono necessari:
certificato oculistico
modulo d’iscrizione
versamento annuale della quota associativa
Fonti di informazione per i soci:
L’Unione informa costantemente i propri soci
riguardo a novità, appuntamenti, iniziative
ecc. Oltre al contatto diretto, vengono inviate
per posta ed eventualmente per e-mail
circolari ed eventuali informazioni. I soci che
lo richiedono ricevono inoltre gratuitamente
il mensile dell’Unione”il Corriere dei Ciechi”,
redatto in scrittura normale, in scrittura a
caratteri ingranditi oppure registrato su CD.
La rivista contiene le notizie di attualità
riguardo all’Unione a livello nazionale nonché
notizie di vario genere per ciechi e
ipovedenti.
L’Unione Italiana dei Ciechi e degli
Ipovedenti, Sezione della Spezia è a
disposizione per ulteriori informazioni e
dettagli.

Chi viene riconosciuto come minorato
della vista
I ciechi e gli ipovedenti di tutte le fasce d’ età
possono avvalersi dei servizi e delle offerte
dell’unione. Per legge le minorazioni visive,
secondo le limitazioni sotto elencate, rilevate
nell’occhio migliore, vengono suddivise come
segue:
Ciechi totali:
a) cecità assoluta
b) mera percezione della luce e dell’ombra o del
moto della mano
c)residuo perimetrico binoculare inferiore al 3%
Ciechi parziali:
a) residuo visivo non superiore ad 1/20
b)residuo perimetrico binoculare inferiore al 10%
Ipovedenti Gravi:
a) residuo visivo non superiore ad un 1/10
b) residuo perimetrico binoculare inferiore al 30%
Ipovedenti medio-gravi:
a) residuo visivo non superiore a 2/10
b) residuo perimetrico binoculare inferiore al 50 %
Ipovedenti lievi:
a) residuo visivo non superiore a 3/10
b) residuo perimetrico binoculare inferiore al 60%
Certificazione della minorazione visiva,
Accertamento della cecità civile
Affinché l’Unione possa garantire
un’assistenza mirata, è necessario un
certificato oculistico che accerti il residuo
visivo. Tale certificato, rilasciato da non più
di sei mesi e unitamente ad un certificato
telematico, sarà inoltre necessario per
inoltrare, tramite l’unione, la domanda per l’
accertamento della cecità alla
commissione medica.